Poesie

Io le ho vedute le curve alla neve

che gomme ingenue fanno tra i binari,

le auto sbandate. La tua siepe è bianca,

come l’albero scarno, nella strada

tua dove pure il giardino di casa

sta chiuso al giorno e si ritrae agli sguardi.

Io sono più ghiacciato nel mattino

di questi cavi sospesi nell’aria

lasciati soli da scintille e tordi.

Aspetto, nel silenzio, il dono incerto

del tuo portone aperto solo a mezzo

per breve fuga o cauto rincasare


*

Noi siamo immersi in un acquario. I pesci

senz’acqua, stanno fuori. Sugli stecchi

sospingono palloni, i ragazzini.


Qualcuno appanna il vetro, il mondo è illeso.


*

È sopra il muro il memento, per poca

cosa che sia, del giardino di casa:

un pezzo di mosaico. Gli anni buoni,

imparalo, hanno i loro riti. Vanno

per strade torte, nell’acqua dei rivi

schiumosa, per le crepe dei mattoni.

Te li ritrovi coi vestiti nuovi

lungo le scale, a volte sulla porta

socchiusa. Fingono di non vederti.


(da Limite del vero, la Vita Felice Ed.ni. 2019)


François Nédel Atèrre

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Avrai una donna con le occhiaie Avrai una donna con le occhiaie, autobiografie di battaglie vissute tra le rime delle palpebre e profondissime tenebre. Avrai una donna con le occhiaie, cronologie dell

Dentro di te Svegliami da questi passi che imbiancano una notte mai notte, dall’interno fischiato degli alberi, lunghe steppe, raid desertici, chiamata dentro di te una volta ancora la timidezza di e

In questi groviglio di luci vedo affievolirsi la tua ombra nuda il tuo incessante coesistere il tuo vergognoso parlare la tua palese assenza che mi salva e mi seduce. Assumi le sembianze del mio volto