Poesie inedite - Giovanna Iannotti

In questi groviglio di luci vedo affievolirsi

la tua ombra nuda

il tuo incessante coesistere il tuo vergognoso parlare la tua palese assenza

che mi salva e mi seduce.

Assumi le sembianze del mio volto prendi il suono delle mie parole

fa' tuo il mio esistere

assegnami un ruolo

una necessità salvifica che vada oltre

il mio esser complice.

12 Ottobre 2020


*

l’umidità della tua voce

le parole delle tue mani che narrano la mia pelle nell’istante in cui sono viva

la mia figura si compone

al ritmo lento del tuo respiro unico suono che resuscita

il mio corpo stanco.

16 Ottobre 2020


*


Assoluzione

è una parola dai mille volti

è una consapevolezza che si compone nella città che incrocia le nostre strade.

Assoluzione

è una parola che giunge fra due individui moralmente succubi del suo significato.

22 Ottobre 2020


*


Quando questi giorni sfumeranno all’orizzonte, il divenire sarà dolce

e timido sui nostri volti.

Salubre sarà il mio respiro che nasce e si rinnova

e saprà di miele

di fragole e di latte

e di tutto ciò che di dolce ha da offrirci questa Terra.

27 Ottobre 2020


*

forse mi sono persa disegnando case che non ho e la linea del cielo

a segnare il confine

ma sono solo una bambina che gioca con le mani sporche e con il senso di colpa

29 Gennaio 2021


*

La costante sensazione

che il mondo fugga sotto i miei piedi e che il tempo si prenda

la sensazione d’esser diversa

30 Gennaio 2021

48 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Avrai una donna con le occhiaie Avrai una donna con le occhiaie, autobiografie di battaglie vissute tra le rime delle palpebre e profondissime tenebre. Avrai una donna con le occhiaie, cronologie dell

Dentro di te Svegliami da questi passi che imbiancano una notte mai notte, dall’interno fischiato degli alberi, lunghe steppe, raid desertici, chiamata dentro di te una volta ancora la timidezza di e

Quanti cedimenti alla banda, l’uno che vuole essere parte ma non gregario, l’infelice nel suo diaframma di senso, il gesto che tradisce l’esilio. Cosa caverai dal nucleo primo? Qualcuno sta cercando i