Inediti

mio fratello è una zanzara

a settembre ha la fretta del

sangue e paura

di un letargo che potrebbe non finire

si rintana nelle crepe - sognando

le vene che pulsano d’estate

col suo ventre sempre più vacante




*




passano gli anni timbrando la pelle

più mi stanco e più

sbolle la mia furia -

mi addolcisco come

la frutta: marcendo



31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Avrai una donna con le occhiaie Avrai una donna con le occhiaie, autobiografie di battaglie vissute tra le rime delle palpebre e profondissime tenebre. Avrai una donna con le occhiaie, cronologie dell

Dentro di te Svegliami da questi passi che imbiancano una notte mai notte, dall’interno fischiato degli alberi, lunghe steppe, raid desertici, chiamata dentro di te una volta ancora la timidezza di e

In questi groviglio di luci vedo affievolirsi la tua ombra nuda il tuo incessante coesistere il tuo vergognoso parlare la tua palese assenza che mi salva e mi seduce. Assumi le sembianze del mio volto